Centro Sordità Elettrosonor - I professionisti dell'udito
  Dove siamo Prodotti Servizi Contatti Le tue domande Guida all'acquisto
 
R.P.E. - Riabilitazione Personalizzata Elettrosonor


Iter applicativo:

La scelta dell’apparecchio acustico è preceduta da una rigorosa valutazione, volta a fornire al paziente la migliore discriminazione uditiva. In seguito, per ottenere un rendimento ottimale dall’apparecchio acustico è fondamentale attenersi ad una corretta terapia protesica-riabilitativa.
Durante il colloquio iniziale, si esegue una anamnesi del paziente e si visionano i suoi referti. Dopo l’indagine otoscopica si eseguono accurati controlli audiometrici tonali e vocali. Si procede poi alla prova per valutare il beneficio protesico mediante i test citati in precedenza in campo libero, senza e con apparecchio.
Grazie a questi primi dati i nostri Audioprotesisti sono in grado di fornire consigli tecnici, indirizzando il paziente verso la scelta dell’apparecchio acustico più idoneo.
Scelto il modello, si procede alla presa delle impronte dei condotti uditivi, indispensabile per la realizzazione dell’apparecchio stesso. Infine, prima della consegna, l’Ingegnere Biomedico effettua un accurato test di controllo qualità sugli auricolari e sugli apparecchi acustici.
>> procedura d'acquisto dettagliata

 

Riabilitazione Personalizzata Elettrosonor (R.P.E.):

Dopo l’applicazione degli apparecchi acustici, il paziente inizia la riabilitazione uditiva (RPE): la Logopedista, in stretta collaborazione con l’Audioprotesista, eseguirà tutti i test necessari per consentire un adattamento personalizzato del presidio uditivo.
Per alcuni mesi il paziente sarà impegnato in un lavoro specifico di stimolazione uditiva. Durante queste sedute individuali imparerà a riconoscere suoni e rumori della vita quotidiana, a comprendere parole, frasi e conversazioni, dapprima in ambiente silenzioso e poi nel rumore. Le tarature dell’apparecchio saranno gradualmente modificate al fine di consentire una ripresa graduale dell’udito.
Solo quando sarà raggiunto il risultato ottimale, la persona svolgerà i controlli semestrali di routine, fondamentali per godere sempre del massimo beneficio protesico.
Questo approccio richiede anche il coinvolgimento della famiglia, della scuola o della struttura in cui si trova il paziente e riguarda anche altre figure professionali (Medici, Logopedisti, Assistenti domiciliari, Assistenti sanitari, Insegnanti...).

 

Schema riassuntivo:

Applicazione dell’apparecchio acustico.
I Settimana:  valutazione dei benefici e problematiche; indagine otoscopica ed eventuali modifiche all’apparecchio e agli auricolari; prima valutazione logopedica delle prestazioni comunicative e valutazione della discriminazione uditiva semplice o complessa; taratura basata sulle impressioni di ascolto e sui risultati dei test logopedici.
II Settimana: acclimatazione del paziente; allenamento acustico (parole bisillabiche infantili, parole o frasi nel silenzio); modifica della taratura sulla base dei risultati dei test logopedici; controllo audiometrico tonale e vocale in campo libero.
III Settimana: test di confusione fonemica o ripetizione di parole semplici in funzione dell’adattamento protesico; regolazione dell’apparecchio a seconda delle situazioni di ascolto quotidiane; counselling.
IV Settimana: allenamento acustico con materiale dei test logopedici con parole a scelta multipla; prove di ascolto in situazioni rumorose; programmazione dell’apparecchio per le situazioni rumorose; audiometria tonale e vocale in competizione.
2 Mesi: controllo otoscopico; allenamento acustico con l’audiometro o a voce viva controllata con sequenze vocali-consonanti-vocali; messa a punto dell’apparecchio acustico.
4 Mesi: allenamento acustico con lettura di un articolo di giornale, rumore di fondo e relative domande; perfezionamento delle tarature dell’apparecchio; counselling.
6 Mesi: controllo otoscopico; allenamento acustico; personalizzazione delle tarature dell’apparecchio; pulizia e controllo funzionale dell’apparecchio acustico; valutazione dei risultati ottenuti tramite audiometria tonale e vocale.
12 Mesi: pulizia, disossidazione e controllo funzionale dell’apparecchio acustico; indagine otoscopica e controllo annuale audiometrico tonale e vocale, senza e con protesi; nuova regolazione in base alle variazioni della soglia uditiva.
18 Mesi: pulizia e controllo funzionale dell’apparecchio acustico.
24 Mesi: pulizia, disossidazione e controllo funzionale dell’apparecchio acustico; indagine otoscopica e controllo annuale audiometrico tonale e vocale; nuova regolazione in base alle variazioni della soglia uditiva.

>> SCARICA LA RICERCA SULLA RIABILITAZIONE PERSONALIZZATA R.P.E.


Torna a CHI SIAMO
 
 

:: Copyright 2006 Elettrosonor :: Tutti i diritti riservati ::
 
torna alla home page aggiungi ai preferiti torna alla home page