Prevenzione
16536
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16536,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-17572,elementor-page elementor-page-16536

Prevenzione

Cos’è la perdita dell’udito?

Vediamo alcuni semplici esempi:
L’udito è il mezzo di comunicazione più importante e più fragile che possediamo e come tutti gli strumenti tanto complessi quanto delicati, conoscerlo in modo più approfondito è sicuramente un primo passo per averne cura, a qualsiasi età.
• Non udire la voce dei propri familiari.
• Non udire il suono del campanello di casa.
• Non udire la televisione o la radio
• Non udire parte della conversazione se avviene in luoghi rumorosi

Dati rilevanti:

47% non ha mai effettuato un controllo uditivo ovvero 1 su 20%
7 mln popolazione italiana ha problematiche uditive0%
La prevalenza della sordità
aumenta con l’età
 1/3 delle persone over 65 è colpito da un deficit uditivo
più della metà degli over 75 è affetto da ipoacusia
l’1% degli over 70 è affetto da ipoacusia grave / profonda
– 1 bambino su 1000 è affetto da ipoacusia grave / profonda
Incidenza problemi di udito
over 800%
61-80 anni0%
46-61 anni0%
13-45 anni0%

Perchè la PREVENZIONE?

Per la maggior parte delle persone la perdita si manifesta in modo graduale. Poco a poco senza rendersene conto la capacità di sentire si riduce rendendo più difficile comprendere voci e conversazioni in luoghi abituali e arrivando, nei casi più gravi, a non sentire nemmeno i suoni forti.
Se l’età è sicuramente la principale causa ed è un fattore inevitabile, esistono invece altri fattori altrettanto comuni la cui conoscenza risulta fondamentale per riconoscere i primi segnali dell’ipoacusia e porvi rimedio.
Una delle cause che incide notevolmente nell’alterazione del nostro udito ma che fortunatamente possiamo controllare è il RUMORE.
La perdita dell’udito indotta dal rumore è causata da lesioni a minuscole strutture chiamate cellule ciliate dell’orecchio interno che, una volta danneggiate non possono più rigenerarsi.
Ogni persona quotidianamente viene esposta a diversi livelli di inquinamento acustico e oltre il 70% della popolazione è costantemente esposta a livelli di rumore che superano sensibilmente i limiti massimi stabiliti dalla legge (80 Db). Il rumore del traffico nelle città, il vicino che taglia l’erba, aerei, auricolari e tanti altri suoni che ogni giorno abbiamo imparato ad ignorare o a non considerare.

Ma il nostro udito la pensa allo stesso modo?

Gli effetti:

L’inquinamento acustico può generare problemi all’udito e, a lungo andare, provocare l’insorgenza di uno stato di stress per la salute umana:
• Apparato cardiocircolatorio (ipertensione, ischemia miocardica)
• Apparato digerente (ipercloridria gastrica, azione antispastica sulla muscolatura liscia)
• Apparato neuropsichico (aumento della quota di ormoni di tipo corticosteroideo)
• Apparato neuropsichico (quadri neuropsichici a sfondo ansioso con somatizzazioni, insonnia)
•Affaticamento, diminuizione della vigilanza e della risposta psicomotoria

Come mantenerlo sano?

Bastano 3 semplici regole d’oro per preservarlo
Dopo i 4 anni di vita l’udito entra in piena funzione e noi tutti siamo destinati ad averne cura per tutta la nostra esistenza.
1• Usarlo il più possibile ma in modo consapevole
2• Proteggerlo da tutte quelle attività che possono provocare danni prematuri
3• Concedersi qualche momento di silenzio assoluto

Cosa provoca la perdita dell’udito?

NEI NEONATI

• Cause prenatali come infezioni, abuso di alcol e stupefacenti da parte della mamma durante la gestazione
• Cause ereditarie dipendono da fattori genetiche che si trasmettoni già prima della nascita
• Cause post-natali possono dipendere da infezioni contratte dal bambino durante l’infanzia in forma grave come la menigite, il morbillo e la parotite, oppure da semplici raffeddori ed infiammazioni all’orecchio.

BAMBINI E ADULTI

• Esposizione a rumori forti e continui (ambiente lavoro rumoroso, uso auricolari, frequentazione discoteche)
• Fumo e alcol
• Malattie infettive particolari (meningite, morbillo, etc)
• Malattie all’orecchio
• Problemi vascolari e/o circolatori
• Diabete
• Farmaci ototossici (alcuni antibiotici, antinfimmatori, chemioterapici)

ANZIANI

• Presbiacusia
• Ereditarietà
• Malattie autoimmuni
• Malattie all’orecchio
• Esposizione ai rumori forti
• Diabete
• Ipertensione
• Farmaci ototossici
• Squilibri ormonali

Cosa fare per prevenire la perdita dell’udito?

  1. Limitare l’esposizione ai rumori intensi
  2. Condurre uno stile di vita salutare evitando fumo e alcool e praticando attività fisica
  3. Limitare l’uso dei bastoncini alla sola parte esterna dell’orecchio
  4. Prestare estrema attenzione ai farmaci ototossici
  5. In caso di sordità improvvisa, recarsi subito al pronto soccorso
  6. Controllare regolarmente l’udito con un semplicissimo e veloce TEST DELL’UDITO.
  1. Limitare l’esposizione ai rumori intensi
  2. Condurre uno stile di vita salutare evitando fumo e alcool e praticando attività fisica
  3. Limitare l’uso dei bastoncini alla sola parte esterna dell’orecchio
  4. Prestare estrema attenzione ai farmaci ototossici
  5. In caso di sordità improvvisa, recarsi subito al pronto soccorso
  6. Controllare regolarmente l’udito con un semplicissimo e veloce TEST DELL’UDITO.